Ricordo di Padre Ezio

Salve a tutti i lettori.
Una settimana fa è scomporso un sacerdote di 38 anni colpito da tumore alcuni anni fa.
Mi è stato chiesto di scriverne un ricordo e ho deciso di pubblicarlo anche qui.

 

Quando mi è stato chiesto di scrivere un ricordo su Padre Ezio mi sono venuti alla mente alcuni episodi nel periodo che è stato coadiutore del nostro oratorio, però, ripensandoli nell’ottica di quello che è successo, ne voglio raccontare uno e immaginarlo come un “disegno” di Dio sulla sua vita.

Era il 2001 e dopo il Gr.Est. avevamo deciso di portare gli adolescenti a Maderno sul lago di Garda. Qui è stata costruita, a una cinquantina di metri da riva, una piattaforma per i tuffi con ripiani a diversi livelli, dal metro fino a oltre 5 metri circa d’altezza. Tutti salivamo la scaletta per poi decidere da quale altezza lanciarsi; la prima cosa naturalmente era ambientarsi e quindi partire dalla piattaforma più bassa. Dopo alcuni tuffi qualcuno si è lanciato da quello più alto, sinceramente era un bel salto nel vuoto per chi non aveva dimestichezza con i tuffi e, infatti, alcuni sono rimasti diversi minuti sulla piattaforma in attesa dell’ispirazione, o del coraggio, per lanciarsi verso l’acqua. Ad un certo punto sale Ezio con il suo sorriso e la sua tranquillità e ci dice: “Ora mi tuffo io!” e in men che non si dica si è lanciato. Il tuffo sinceramente non era tanto aggraziato e ha corso il rischio di tirare una panciata, credo alquanto dolorosa vista l’altezza, arrivando in acqua con un fragoroso tuffo per poi riemergere qualche secondo e qualche metro più in la sorridendo e dicendo: “Tranquilli, è tutto a posto”.

Ecco io mi immagino la vita di Ezio come quel tuffo. Lui un angelo mandato sulla terra da Dio in un volo non tanto elegante ma molto concreto, nel pieno stile piamartino, arrivando e sconvolgendo la “tranquillità” di molte vite, entrandoci in maniera “fragorosa”, risvegliandole dai loro torpori, per poi continuare questa discesa nel buio degli abissi ma avendo sempre la forza e la voglia di riemergere nella luce. E ora che è ritornato in superficie, e molto più in alto, ci dice sorridendo a modo suo: “Tranquilli, va tutto bene”.

2 commenti su “Ricordo di Padre Ezio

  1. carissimo marino
    sono passata a salutarti …ho sospeso il blog, tornero,\’ ma piu\’ in la\’ nel tempo..
    ti auguro una splendida estate e una Buona Vita ..spero tanto di ritrovarti, comunque ogni tanto passero\’ a trovarti..
    un forte abbraccio e un bacio
    sciao ragaSSo :-))

  2. Ciao RagaSSa spero leggerai questo commento!!!
    Ero passato nei giorni scorsi e non ti avevo trovato e avevo visto che non si potevano più lasciare commenti…
    passa quando vuoi… sono sempre qui
    un abbraccio
    Buona fortuna RagaSSa e a presto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...