Grazie lo stesso Mantova

Non ci sono parole ma questo commento del sito ufficiale dell’ACMantova dice tutto quello che c’è da dire!!!
Il sogno continua l’anno prossimo!!!
 
12/6/2006 6:34:39 AM
TORINO-MANTOVA 3-1

Il sogno si spegne definitivamente dopo 120 minuti. Il Torino ottiene quello che voleva e vola in serie A, al Mantova i rimpianti per una partita decisa da episodi, alcuni dei quali molto discutibili. Fatale ai biancorossi il piazzamento in classifica che nei play-off (il cui regolamento il Mantova conosce molto bene) costituisce un pilastro fondamentale. C’è molta amarezza per un risultato storico che era a portata di mano e che poteva essere agguantato nell’ultimo minuto dei tempi supplementari, quando Gasparetto ha sfiorato il palo esterno per un 3-2 che avrebbe portato il Mantova nell’Olimpo del calcio. E invece niente, la sorte è stata avversa ai virgiliani. Resta la consapevolezza di avere dato tutto in campo e fuori e di aver presentato, da neopromossa, un’immagine di società fresca, pulita, un gruppo unito di calciatori supportati da un pubblico caldo e appassionato. Queste sono basi importanti da cui ripartire anche se, è normale, la delusione è tanta. Ci aspetta un altro campionato di serie B. Per carità, non è una tragedia: in passato eravamo abituati a molto peggio ma è fuori discussione che l’impresa che poteva avverarsi e che poi è rimasta incompiuta lascia l’amaro in bocca. Complimenti ai ragazzi che hanno dato tutto, soffrendo per ben 46 partite e che anche nella triste serata del Delle Alpi hanno lottato fino alla fine, dimostrando, se mai ce ne fosse bisogno, di essere un gruppo unito, a partire da coloro che hanno giocato fino ai calciatori che in panchina hanno sostenuto i propri compagni con partecipazione, soffrendo come se fossero in campo. Della partita c’è poco da dire: il Torino ha cercato con le unghie e con i denti la promozione in A e la ha ottenuta, disputando anche una buona partita ricca di intensità e voglia di vincere; restano tuttavia alcune perplessità riguardo certe decisioni arbitrali. Ci si consenta lo sfogo, visto che è il primo di questa stagione e visto che il Mantova ha sempre accettato serenamente le decisioni arbitrali e del giudice sportivo. Registriamo solo un rigore contro discutibile, due espulsioni (una di Di Cesare in panchina e l’altra di Caridi a partita finita le cui circostanze sono tutte da verificare) e Cioffi sanguinante al volto, colpito da un pugno sferratogli da un avversario. A questo proposito ci auguriamo che la giustizia sportiva, tanto zelante e ricca di inventiva in occasione della "brutale" aggressione di Grauso, lo sia altrettanto in occasione di quest’ultimo episodio che ben poco ha a che fare con una sana competizione sportiva, ricca sì di scontri duri, ma non di atti violenti e proditori.

Questa lunga e interminabile stagione è finita ed è tempo per i ringraziamenti: grazie ragazzi per il campionato strepitoso che avete regalato a Mantova, dopo 32 anni di campionati minori, arrivando a sfiorare addirittura la promozione in serie A. Grazie a questa dirigenza che, da quando si è insediata a Mantova, con un serio ed efficacie lavoro di programmazione ha ottenuto in pochi anni quello che si cercava da decenni brancolando nel buio. Ma soprattutto grazie ai tifosi che anche a Torino hanno dato una commovente dimostrazione di affetto e di attaccamento ai colori biancorossi. Che dire degli applausi a fine partita e del coro "orgogliosi di voi" rivolto alla squadra? Durante il lungo e mesto viaggio di ritorno ci è capitato di sostare lungo il percorso, incrociando alcuni pullman di tifosi. Ebbene: tali e tanti sono stati gli applausi e i segni di affetto per il Mantova da rendere il tragitto meno pesante, nonostante l’ora tarda (la squadra è rientrata alle 4.45). Questo è il pubblico mantovano, questo il suo "modus vivendi" lo sport. Magari qualcuno che pretendeva di darci lezioni di stile e sportività avrebbe fatto meglio a pigliare il taccuino, prendere appunti e imparare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...