Incotro Ado: L’Amicizia

Eccoci di nuovo qui dopo un altro incontro.
 
Stasera abbiamo iniziato approfondendo la tematica che aveva maggiore rilevanza dal grafico fatto sviluppare nel precedente incontro, coè l’amicizia.
 
Siamo partiti leggendo il brano dal Vangelo di Giovanni dal capitolo 15 dal versetto 12 al versetto 17 (Gv 15,12-17) in cui Gesù parla di "amici" dicendo: "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici."
 
Da qui abbiamo discusso su come si era "evoluta" l’Amicizia rispetto a qualche anno fa e è emerso che la "crescita" personale ha fatto "maturare" anche il modo di porsi con l’Amico, essendo più esigenti nella scelta dell’Amico stesso ma riuscendo a rapportarsi meglio con lui.
 
Il passo successivo è stato un "brainstorming" sulla parola "Amicizia" e sono emerse queste parole:
Fiducia Rispetto Aiuto Lealtà
Affetto Stima Fedeltà Sincerità
Donare Ascoltare Disponibilità Intesa
Umiltà Perdono Condivisione Intimità
Capirsi Altruismo Fede Litigio
 
Il passaggio successivo è stato chiedergli:"arriva un ragazzo nel gruppo che vuole essere vostro amico, che fate?"
E’ emersa una scala di "valori" per diventare l’Amico:
  1. Impressione
  2. Conoscenza
  3. Condivisione
  4. Rapporto di Fiducia
  5. Confidarsi
  6. Superare le Difficoltà
  7. Rapporto nella Fede
L’ultimo passaggio è stato quello di indicarglio come "nuovo" Amico Gesù.
Durante questa settimana, a secondo del livello della scala precedente, dovranno cercare di capire come interagire con questo "Amico" cercando di capire anche i segni che vengono donati da Dio sul cammino di ogni giorno.

Primo incontro Ado

Finalmente siamo ripartiti con il gruppo Adolescenti.
Settimana scorsa c’eravamo trovati per una pizzata di accoglienza e deciso quando ci sarebbe stato l’incontro.
 
La tematica che seguiremo è quella dell’Amore nelle sue svariate sfumatore: dal rapporto di coppia all’amore per il prossimo passando attraverso l’amicizia.
 
In questo primo incontro è stato proposto di pensare a come suddividerebbero un "grafico a torta" in tre fette e ogni fetta rappresentava questi punti:
  • amore per l’altro nella realtà o quanto desidererebbero che ci fosse
  • amicizia nel gruppo o a scuola o nel quotidiano
  • aiuto al prossimo in piccoli o grandi gesti quoitidiani 
Più o meno tutti hanno disegnato il grafico rapidamente, chi perchè ci aveva già pensato, chi perchè aveva già le idee chiare e chi perchè aveva già affrontato il problema.
Appena avremo analizzato i dati e fatto una percentuale di gruppo pubblicherò la torta in post. Da questo, come gli abbiamo spiegato, partiremo per affrontare il cammino di quest’anno.
 
Ripartiamo quindi sulla nostra barca per affrontare nuove avventure.

Se solo se

Educare è Amare, Amare è Educare!
 
Ho sentito pronunciare queste parole e le ho trovate più vere che mai. Per essere educatori bisogno amare colui che si vuole educare, viceversa amando si educa la persona o le persone che ci circondano.

Pensiero

Con il "troppo" lavoro che devo fare non riesco a scrivere molto in questo periodo, ma, cercando alcune cose per un’amica, mi sono imbattutto in questo pensiero di Madre Teresa che vi riporto qui sotto, che possono ricollegarsi alle parole di Giovanni Paolo II quando diceva che dobbiamo essere santi del terzo millennio.
 
Invito alla Santità
L’uomo è irragionevole, egocentrico:
non importa, amalo!
Se fai il bene ti attribuiranno secondi fini egoistici:
non importa, fa’ il bene!
Se realizzi i tuoi obiettivi troverai falsi amici e veri nemici:
non importa, realizzali!
Il bene che fai verrà domani dimenticato:
non importa, fa’ il bene!
L’onestà e la sincerità ti rendono in qualche modo vulnerabile:
non importa, sii sempre e comunque franco e onesto!
Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo:
non importa, costruisci!
Se aiuti la gente, se ne risentirà:
non importa, aiutala!
Dai al mondo il meglio di te e ti prenderanno a calci:
non importa, continua!