Sessualità… che sarà mai?

Eccomi qui ad aggiornare il blog… un po’ in ritardo rispetto a venerdì, quando c’è stato l’incontro, e all’ultimo blog, ma gli impegni a volte sono tanti e il gestire tutto diventa difficile.
 
Come si può leggere dla titolo siamo andati avanti con la discussione e siamo arrivata alla parte che riguarda la sfera dell’Amore chiamata "Eros".
Per fare questo incontro abbiamo invitato due persone, precisamente psicologo "della famiglia", con cui abbiamo affrontato il tema con i ragazzi.
L’incontro è partito, naturalmente, da alcune scene del film "Come te nessuno mai" e da qui si è sviluppato, prima in piccoli gruppi, quattro da tre persone, e poi in un dibattito generale, partendo dalla domande sugli aspetti positivi e negativi del ragazzo/ragazza e sulle paure del rapporto, inteso in tutta la sua sfera e non solo nell’atto.
La discussione è stata interessante e i temi emersi sono fonte di dialogo e alcuni sono molto profondi.
Sicuramente andremo avanti ad approfondire la tematica (è la seconda che lasciamo un po’ in sospeso per mancanza di tempo) per vedere di trarre "delle conclusioni" che possano far "pensare" a come porsi davanti alle situazioni della vita che incontreranno.
Devo ammettere che la soddisfazione nel gruppo è tanta, soprattutto si nota quella voglia di crescere e mettersi in gioco nelle situazioni reali che ci troviamo ad affrontare.
Alla prossima per scoprire dove ci porterà questo cammino.
Buona settimana a tutti.

Incontro al di fuori del “normale”

Stasera, visto che molti ragazzi erano malati, e trovandoci solo in 7, abbiamo deciso di fare l’incontro intorno ad un tavolo di un pub.
Non scandalizzatevi… solo un bicchiere di sangria e qualche poc-corn.
La discussione che abbiamo intavolato partiva sempre dal film visto precedentemente e riguardava come è il rapporto in un "gruppo di amici" o in un "gruppo di amiche", quali sono le dinamiche che emergono e i discorsi affrontati, per poi finire a capire se potesse esistere un rapporto di amicizia tra uomo e donna.
Molto interessante il discorso sulla diversità di rapporto che si riscontra tra uomini e tra donne, sia ben chiaro che scrivo così non per una forma di discriminazione ma per definire due categorie di gruppo.
E’ emerso che i ragazzi sono più schietti, più stronzetti e meno giudicabili; le ragazze invece sono più sensibili, più sentimentali ma si sentono più giudicate: se un uomo sta in mezzo alle donne è un "figo", se una donna sta in mezzo agli uomini è una "troia" (scusate le parole forti ma sono quelle chi si usano oggi)
Si è compreso che tra uomini uno cerca di emergere e fare da leader mentre tra le ragazze c’è più "livellità" di vedute ma a volte poca schiettezza a meno che non vi sia una amicizia profonda.
 
Circa il rapporto amico e amica si è un po’ giunti alla conclusione che da una parte o dall’altra si corre il rischio di superare quel limite che costituisce l’amicizia, se così non fosse, cosa molto rara, l’amicizia che si crea sarebbe meravigliosa.
 
Settimana prossima non c’è il gruppo ma riprenderemo fra due settimane con ospiti interessanti…