Le Scelte

E’ un po’ che non scrivo.
Impegni di lavoro e altro mi hanno portato via parecchio tempo… e la voglia di mettersi davanti ad un pc la sera era davvero poca.
Voglio però parlare di una cosa di cui abbiamo "trattato" nel gruppo gli ultimi incotri: la Scelta.
Ogni giorno siamo portati a fare delle scelte e ogni giorno ci troviamo a decidere che strada prendere, ma ci sono scelte che sono "più definitive" di altre e sono quelle che ci mettono con le "spalle al muro".
Bisogna scegliere e questo comporta escludere tante altre cose… queste scelte "radicali" sono dei sacrifici che si fanno per andare avanti a scoprire quale è il "progetto" della nostra vita.
Credo che essere titubanti, non esporsi, non correre rischi è un po’ come "appassire" nel proprio presente. Le sofferenze che nascone dalle scelte fortificano, aiutano a crescere e fanno vivere il presente con più vitalità e anche se a volte sono sbagliate c’è sempre la possibilità di recuperare perchè ci si presenterà sempre un bivio da affrontare.
Queste Scelte però devono essere ragionate, sentite, vissute, condivise magari con qualcuno di cui ci fidiamo, per noi cristiani "pregate" in modo da non farle in modo avventate.
Si può dire che una Scelta cambia la vita.
 
Per quest’anno il gruppo è concluso e si riparte l’anno con tante belle prospettive. Speriamo che l’esperienze vissute portino frutto come lo porteranno a noi educatori.

Un commento su “Le Scelte

  1. Ehhh si…SCEGLIERE! …
    Che fatica, trovarsi davanti a quel bivio rispetto al quale non sai che strada imboccare, perchè sei consapevole che l\’una esclude automaticamente l\’altra! Ma il difficile è dover scegliere tra realtà che sono entrambe belle e importanti, che sembrano appagare totalmente la nostra vita…e dentro di noi nasce quel sottile sospetto che ci fa dire "Ma perchè devo scegliere???"…"in fondo io sto bene dove sto!!!"…"Perchè incasinarmi la vita quando posso lasciare comodamente i miei piedi in due scarpe" . 
    Però bisogna scegliere! Nessuno può rimanere da solo, "Nessun uomo è un\’isola" diceva T. Merton, perchè dobbiamo affidare la nostra vita a qualcuno sia esso con la \’q\’ piccola o \’Q\’ grande. Dobbiamo spiccare il volo come le aquile e smettre di accontentarci di razzolare come i polli pensando che il Tutto si trovi lì…
    Guardando in faccia questa realtà, però, sembra che il prezzo da pagare sia troppo alto, il guadagno in perdita, poi, però, una volta spiccato il volo, nonostante le continue e costanti cadute, che accompagnano l\’apprendisato della Vita, si scopre che ciò che ti sembrava di aver perso in realtà ritorna: purificato, alleggerito dagli egoismi, dentro i quali rinchiudiamo i nostri affetti e si inizia ad assaporare il gusto bello e pieno della Libertà, quella vera, quella con la "L" maiuscola! 
    Caro Marino, mi sono sentita libera di continuare un dialogo aperto con te e con il tuo gruppo, non perchè sia più brava o abbia le soluzioni in tasca, ma semplicemente perchè ci credo e, nonostante le fatiche e i dubbi sempre dietro all\’angolo… voglio continuare a crederci!…naturalmente sembre in alegher!
    ciao! Un abbraccio!
    sister alegher!
    Sr. Fabi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...