Primo incontro Ado GGG

Anche quest’anno è ripartito il gruppo Adolescenti: il mitico GGG.
Il tema dell’anno sarà la "scelta" vista in relazione al vangelo delle domenica.
Il primo incontro è stato un po’ "sonnolento" ma credo che sia solo perché era il primo.
Quest’anno ogni incontro diamo un foglio da inserire in un quaderno a buchi con:
– il Vangelo del giorno
– una riflessione scritta da noi educatori o una persona dell’oratorio
– un preghiera o uno scritto da meditare
 
Questo il primo incontro:
 

La scelta di “Ringraziare”

 

Dal Vangelo di Luca

[11]Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea.

[12]Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza,

[13]alzarono la voce, dicendo: <<Gesù maestro, abbi pietà di noi!>>.

[14]Appena li vide, Gesù disse: <<Andate a presentarvi ai sacerdoti>>. E mentre essi andavano, furono sanati.

[15]Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce;

[16]e si gettò ai piedi di Gesù per ringraziarlo. Era un Samaritano.

[17]Ma Gesù osservò: <<Non sono stati guariti tutti e dieci? E gli altri nove dove sono?

[18]Non si è trovato chi tornasse a render gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?>>. E gli disse:

[19]<<Alzati, la tua fede ti ha salvato!>>.

 

 

Per comprendere questo vangelo ho pensato di immedesimarmi in uno dei dieci lebbrosi che sapendo che Gesù può fare miracoli gli chiede di guarirlo insieme agli altri.

Ascoltatoci, Gesù, ci manda a Gerusalemme dai sacerdoti, quindi nella città e nella sinagoga, dove giunti potremo essere ri-accolti essendo sanati dalla lebbra.

Durante il cammino, sentendoci guariti, con contentezza, stiamo andando verso la città, ma uno di noi, quello più pagano essendo samaritano, quello meno credente, torna indietro.

“Dove va?” – mi domando.

Forse torna da Gesù perché non è guarito… probabilmente perché pagano… però non mi convince questa mia spiegazione… è troppo gioioso per non essere guarito… allora decido di seguirlo anche se gli altri cercano di portarmi con loro… ma decido di andare “controcorrente” e voglio capire dove va.

Ebbene è andato da Gesù e lo ha ringraziato!!! E io? Sono guarito e non sono stato capace di farlo… io che credo nel Padre, secondo la legge, ma non mi sono accorto che realmente Lui è il Figlio, l’unico che può, ed è riuscito, a guarire la mia “malattia”.

Quante volte non torno indietro a ringraziare Dio per il dono che mi fa e lo cerco solo quando ho bisogno perché sono nella difficoltà, nella sofferenza, cioè nella malattia. O come a volte che lo accuso delle cose che mi capitano, lo considero la causa del mio male ed invece Lui è li sempre pronto per accogliermi e dirmi ancora una volta “va, la tua Fede ti ha salvato”. (Marinz) 

 

 

 

DONARE

Spesso dite:
"Voglio donare, ma solo a chi merita".
Non così dicono
gli alberi del vostro frutteto,
né gli animali che portate al pascolo.
Danno per vivere perchè trattenere é perire.
Sicuramente l’uomo che è degno di ricevere
i suoi giorni e le sue notti
é degno di ricevere da voi qualsiasi altra cosa.

(Gibran )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...