Settimo Giorno – Pregate per le vostre necessità

Pregate per le vostre necessità
"Aiutate i deboli" (1 Ts 5, 14)
 
Letture:
1 Samuele 1, 9-20 Anna prega per avere un figlio
Salmo 86(85) Non respingere la mia supplica 
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Vi raccomando […] aiutate i deboli
Luca 11, 5-13 Chiedete e riceverete!
 
Commento:

    Incapace di avere figli, e perciò in grande avvilimento, Anna pregò Dio di concederle un figlio, e al tempo opportuno, le sue preghiere furono esaudite e nacque Samuele (che significa L’ho domandato al Signore). Nel vangelo di Luca leggiamo che Gesù stesso ci dice "chiedete e riceverete", e così quando siamo nella necessità, ci volgiamo a Dio in preghiera. La risposta può non essere ciò che noi attendevamo, ma Dio risponde sempre.

    La potenza della preghiera è immensa, soprattutto quando è unita al servizio. Dai vangeli sappiamo che Dio vuole che noi ci amiamo e ci serviamo gli uni gli altri. Nella Lettera di Paolo ai Tessalonicesi il tema del servizio è preso come un imperativo: "aiutate i deboli". Non troviamo impossibile rispondere ecumenicamente, in modo concreto, alla debolezza o allo sconforto delle persone; chiese di diverse confessioni spesso lavorano mano nella mano. Ciononostante, la loro testimonianza in alcune situazioni è seriamente indebolita dalle divisioni. Persino nella preghiera, talvolta, siamo diffidenti verso forme di orazione diverse dalle nostre: le preghiere cattoliche che sono elevate a Dio mediante l’intercessione dei santi o di Maria, madre di Gesù; le preghiere liturgiche ortodosse, le preghiere pentecostali, le preghiere protestanti spontanee, che si rivolgono a Dio in modo diretto, utilizzando un linguaggio di tutti i giorni.

    Vi sono segni positivi, tuttavia, di una nuova considerazione delle diverse forme di preghiera. All’interno delle chiese americane, l’esperienza del rinnovamento pentecostale ha condotto anche ad un grande apprezzamento circa la potenza della preghiera e, parimenti, i Pentecostali hanno cominciato a sentirsi più a loro agio nel Movimento ecumenico. La riflessione con le Chiese ortodosse e il Consiglio ecumenico delle chiese ha portato ad un maggiore reciproco apprezzamento delle forme di preghiera delle diverse tradizioni.

    Senza dubbio, la fiducia nel potere della preghiera è comune a tutte le nostre tradizioni e costituisce un ricco potenziale per far avanzare la causa dell’unità, una volta che noi saremo in grado di comprendere e superare le difficoltà. Dovremmo sostenere con la preghiera i dialoghi volti a identificare e indirizzare le differenze fra le nostre chiese, che ci trattengono dal condividere insieme la mensa del Signore. L’essere insieme nella preghiera di rendimento di grazie permetterebbe di progredire più speditamente lungo la strada dell’unità.

Preghiera:

O Signore,
aiutaci ad essere veramente uno nella preghiera
per la guarigione del mondo,
per rimarginare le ferite nelle nostre chiese, e in noi stessi.
Fa’ che mai dubitiamo che Tu ci ascolti e ci esaudisci
nel nome di Gesù. Amen.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...