Anno Paolino

Oggi non sono a scrivervi del santo del giorno ma del santo dell’anno infatti domani inizio l’anno paolino.
Cos’è l’anno paolino? E’ un anno dedicato in modo particolare a San Paolo del suo bimillenario anno di nascita.
San Paolo si potrebbe definire, anzi lo è, il primo vero missionario cristiano, oltre ad essere un sublime e anche "complesso" scrittore di lettere.
Credo che la sua figura sia essenziale per ogni cristiano e quest’anno potrebbe essere un’ottima guida per tutti noi che facciamo della missione, sul territorio o all’estero, uno dei nostri carismi.
Se poi ci sarà la possibilità per qualcuno di visitare anche la cattedrale di San Paolo fuori le Mura a Roma gli chiedo di ricordare in modo particolare le realtà a cui apparteniamo.
Non mi dilungo e lascio una breve descrizione, presa dal sito del sito dedicato del vaticano su questo evento, oltre a invitarvi a guardare il sito dedicato a quest’anno.
 
 
Questa una breve introduzione sull’Apostolo delle Genti
Colui che viene chiamato "l’Apostolo delle Genti", non ha conosciuto Gesù in vita a Gerusalemme o sulle strade della Galilea, come i Dodici Apostoli. E’ il primo ad avere avuto come esperienza solo quella del Risorto, come l’avranno poi tutti i Cristiani. Questo ebreo nato a Tarso (attualmente Turchia orientale), avendo ricevuto un insegnamento rigoroso della Legge, presso il rabbino Gamaliele l’Anziano e che è anche cittadino romano, riceve come missione precisa di andare a predicare la Parola di Dio a tutti gli uomini: prima ad Antiochia ed in Asia Minore, poi in Grecia ed a Roma. Con Paolo, in pochi anni ed in modo ardente, "la Parola esce da Gerusalemme e la Legge da Sion", come era stato profetizzato dal profeta Michea (4,2). Essa "esce" con un doppio senso del termine. Paolo andrà a testimoniare l’insegnamento avuto dai suoi Padri e da ciò che ha sperimentato: Cristo è Risorto!
Paolo è il personaggio meglio conosciuto della prima generazione cristiana, sia per le Lettere (sette riconosciute indubitabilmente autentiche in senso stretto) da lui scritte, sia per la storia della sua vita narrata da Luca negli Atti degli Apostoli. Le sue Lettere rappresentano per noi una fonte eccezionale. La sua figura rimane tuttavia misteriosa. Da una parte queste Lettere ripercorrono soltanto una quindicina di anni della sua vita. D’altra parte, gli Atti che riportano il suo percorso sono scritti venti anni dopo la sua morte, con il tono apologetico dell’epoca. Daremo quindi preferenza ai dati contenuti nelle Lettere di Paolo ed alla sua cronologia, che coincide maggiormente con la durata dei suoi spostamenti (ad esempio la data del "Concilio di Gerusalemme").
 

Ottova Giorno – Pregate perché siano tutti una cosa sola

Pregate perché siano tutti una cosa sola
"Vivete in pace" (1 Ts 5, 13b)

 
Letture:
Isaia 11, 6-13 Lupi e agnelli vivranno insieme e in pace
Salmo 122(121) Pace entro le tue mura
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Vivete in pace tra voi
Giovanni 17, 6-24 Che siano tutti una cosa sola
 
Commento:

    Il desiderio di Dio per noi uomini è che viviamo in pace gli uni con gli altri. Questa pace non è solo assenza di guerra o di conflitto; la shalom che Dio desidera è quella che nasce da un’umanità riconciliata, da una famiglia umana che partecipa e incarna la pace che solo Dio può dare. L’immagine di Isaia del lupo che vive con l’agnello, del leopardo che si sdraia con il capretto offre una visione immaginativa del futuro che Dio desidera per noi. Questa shalom non è qualcosa che possiamo creare noi: siamo chiamati ad essere strumenti della pace di Dio, artefici dell’opera riconciliatrice di Dio. La pace, come l’unità, è un dono e una chiamata.

    L’appello di Gesù all’unità dei suoi discepoli non ha preso la forma di un comandamento o di una richiesta, ha preso la forma di una preghiera, parole innalzate al Padre la notte prima che Gesù fosse messo a morte. È una preghiera che sale dal profondo del suo cuore e della sua missione, mentre prepara i suoi discepoli per tutto ciò che dovrà ancora venire: Padre che essi siano una cosa sola.

    Segniamo, quest’anno, il centenario dell’Ottavario/Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: mentre celebriamo questa ricorrenza nel contesto del desiderio ardente, delle preghiere, e iniziative per l’unità dei cristiani attraverso i secoli, dobbiamo valutare attentamente dove ci troviamo in questo pellegrinaggio guidato dallo Spirito. È il tempo per rendere lode di tutti i risultati ottenuti grazie alla preghiera. In molti luoghi l’ostilità e l’incomprensione hanno lasciato il posto al rispetto e all’amicizia fra cristiani e comunità cristiane. I cristiani che si sono radunati insieme per pregare per l’unità si sono spesso uniti in atti di testimonianza comune al vangelo, e hanno lavorato congiuntamente nel servire coloro che erano in grande necessità. Il dialogo ha aiutato a costruire ponti di comprensione e ha portato alla risoluzione di alcune differenze dottrinali che ci avevano separato.

    È certamente anche un tempo di ravvedimento, perché nelle nostre divisioni noi sentiamo la preghiera di Gesù per l’unità come un monito, e meditiamo sull’imperativo di Paolo ad essere in pace fra noi. Ai nostri giorni i cristiani sono pubblicamente divisi su molti temi: oltre alle continue differenze dottrinali, di sempre, siamo spesso in contrasto su questioni morali ed etiche, sui temi della guerra e della pace, su aree in cui viene chiamata in gioco la testimonianza comune. Divisi internamente e in conflitto gli uni con gli altri, veniamo meno alla chiamata ad essere segni e strumenti dell’unità e della pace voluta da Dio.

    Che cosa dunque dovremmo dire? Vi è motivo per rallegrarsi, e motivo per dolersi. È un momento in cui rendere grazie per coloro che nelle passate generazioni hanno speso tutta la loro vita generosamente a servizio della riconciliazione, ed è un momento per impegnarsi nuovamente ad essere artefici dell’unità e della pace che Cristo desidera. E, infine, è un momento per considerare nuovamente che cosa significhi pregare sempre, attraverso le parole e le opere, attraverso la vita delle nostre chiese.

Preghiera:

O Signore,
rendici una cosa sola: uno nelle nostre parole,
affinché un’unica preghiera devota possa elevarsi a te;
uno nel nostro desiderio e nella nostra ricerca di giustizia,
uno nell’amore a servizio dei più piccoli delle sorelle e dei fratelli,
uno nel desiderio del tuo volto.
O Signore, rendici uno in te. Amen.

Settimo Giorno – Pregate per le vostre necessità

Pregate per le vostre necessità
"Aiutate i deboli" (1 Ts 5, 14)
 
Letture:
1 Samuele 1, 9-20 Anna prega per avere un figlio
Salmo 86(85) Non respingere la mia supplica 
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Vi raccomando […] aiutate i deboli
Luca 11, 5-13 Chiedete e riceverete!
 
Commento:

    Incapace di avere figli, e perciò in grande avvilimento, Anna pregò Dio di concederle un figlio, e al tempo opportuno, le sue preghiere furono esaudite e nacque Samuele (che significa L’ho domandato al Signore). Nel vangelo di Luca leggiamo che Gesù stesso ci dice "chiedete e riceverete", e così quando siamo nella necessità, ci volgiamo a Dio in preghiera. La risposta può non essere ciò che noi attendevamo, ma Dio risponde sempre.

    La potenza della preghiera è immensa, soprattutto quando è unita al servizio. Dai vangeli sappiamo che Dio vuole che noi ci amiamo e ci serviamo gli uni gli altri. Nella Lettera di Paolo ai Tessalonicesi il tema del servizio è preso come un imperativo: "aiutate i deboli". Non troviamo impossibile rispondere ecumenicamente, in modo concreto, alla debolezza o allo sconforto delle persone; chiese di diverse confessioni spesso lavorano mano nella mano. Ciononostante, la loro testimonianza in alcune situazioni è seriamente indebolita dalle divisioni. Persino nella preghiera, talvolta, siamo diffidenti verso forme di orazione diverse dalle nostre: le preghiere cattoliche che sono elevate a Dio mediante l’intercessione dei santi o di Maria, madre di Gesù; le preghiere liturgiche ortodosse, le preghiere pentecostali, le preghiere protestanti spontanee, che si rivolgono a Dio in modo diretto, utilizzando un linguaggio di tutti i giorni.

    Vi sono segni positivi, tuttavia, di una nuova considerazione delle diverse forme di preghiera. All’interno delle chiese americane, l’esperienza del rinnovamento pentecostale ha condotto anche ad un grande apprezzamento circa la potenza della preghiera e, parimenti, i Pentecostali hanno cominciato a sentirsi più a loro agio nel Movimento ecumenico. La riflessione con le Chiese ortodosse e il Consiglio ecumenico delle chiese ha portato ad un maggiore reciproco apprezzamento delle forme di preghiera delle diverse tradizioni.

    Senza dubbio, la fiducia nel potere della preghiera è comune a tutte le nostre tradizioni e costituisce un ricco potenziale per far avanzare la causa dell’unità, una volta che noi saremo in grado di comprendere e superare le difficoltà. Dovremmo sostenere con la preghiera i dialoghi volti a identificare e indirizzare le differenze fra le nostre chiese, che ci trattengono dal condividere insieme la mensa del Signore. L’essere insieme nella preghiera di rendimento di grazie permetterebbe di progredire più speditamente lungo la strada dell’unità.

Preghiera:

O Signore,
aiutaci ad essere veramente uno nella preghiera
per la guarigione del mondo,
per rimarginare le ferite nelle nostre chiese, e in noi stessi.
Fa’ che mai dubitiamo che Tu ci ascolti e ci esaudisci
nel nome di Gesù. Amen.

Sesto Giorno – Pregate sempre per la grazia di lavorare con Dio

Pregate sempre per la grazia di lavorare con Dio
"Siate sempre lieti. Pregate continuamente" (1 Ts 5, 16-17)

Letture:
2 Samuele 7, 18-29 Davide ringrazia il Signore
Salmo 86(85) Tendi l’orecchio, Signore!
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Siate sempre lieti
Luca 10, 1-24 Gesù manda altri settantadue discepoli
 
Commento:

    Nella preghiera noi accordiamo la nostra volontà alla volontà di Dio e così partecipiamo al raggiungimento del suo proposito. Abbiamo bisogno che lo Spirito Santo cambi i nostri cuori di credenti, cosicché possiamo avere la grazia di lavorare per Dio e di diventare parte della sua missione e del suo disegno di unità. Preghiamo per questo con costanza, consapevoli che "gli operai sono pochi". In molti incontri ecumenici, e particolarmente durante il Workshop per l’unità dei cristiani che si tiene annualmente negli Stati Uniti, si è riconosciuto che se si vuole assicurare al Movimento ecumenico uno sviluppo prospero oggi e un futuro, si deve coinvolgere un numero maggiore di giovani. Abbiamo bisogno di numerosi lavoratori che sperimentino la gioia di pregare per essere a parte dell’opera di Dio.

    Le letture del secondo giorno, ci svelano che cosa significhi lavorare per amore del vangelo. Davide, sorpreso dal fatto di poter aver parte nel piano di costruzione del magnifico tempio per il Signore, chiede: "O Dio, com’è possibile che tu abiti sulla terra?" (1 Re 8, 27) e poi conclude: "Benedici la mia dinastia perché duri per sempre davanti a te".

    Il salmista prega "Insegnami, Signore, la via da seguire: voglio esserti sempre fedele. Fammi avere questo solo desiderio: rispettare la tua volontà. Signore, mio Dio, ti loderò con tutto il cuore, sempre dirò che il tuo nome è glorioso".

    Nell’inviare i settantadue discepoli, Gesù conferma che attraverso loro, e quanti crederanno in lui per la loro predicazione, la sua pace e il lieto annunzio che "il regno di Dio ora è vicino a voi!" saranno proclamati in tutto il mondo. Dopo il loro gioioso ritorno, nonostante siano stati respinti, Gesù si rallegra del successo nell’aver sottomesso gli spiriti cattivi nel suo nome: il messaggio è di non arrendersi, mai.

    La volontà di Dio è che il suo popolo sia uno. Come i cristiani a Tessalonica, anche noi siamo chiamati con impellenza a "rallegrarci sempre" e "pregare continuamente", credendo che se cooperiamo senza riserve con Dio, il suo decreto e la sua volontà saranno realizzati.

Preghiera:

O Signore Dio,
nella perfetta unità del tuo essere,
mantieni i nostri cuori ferventi di desiderio
e di speranza per l’unità,
perché non cessiamo mai di lavorare per amore del tuo vangelo.
Ti chiediamo questo per Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

 

Quinto Giorno – Pregate costantemente con cuore paziente

Pregate costantemente con cuore paziente
"Siate pazienti con tutti" (1 Ts 5, 14)
 
Letture:
Esodo 17, 1-4 Perché?
Salmo 1 Darà frutto a suo tempo
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Siate pazienti con tutti
Luca 18, 9-14 Una preghiera umile
 
Commento:

    Non possiamo essere conniventi con la divisione fra cristiani e, anzi, siamo giustamente impazienti su quando arriverà il giorno della nostra riconciliazione. Ma dobbiamo anche essere consapevoli che lo sforzo ecumenico non è sostenuto dappertutto con la stessa intensità. Alcuni procedono con passi da gigante, altri procedono più lentamente. Come ci esorta Paolo, dobbiamo essere pazienti con tutti.

    Come il fariseo della preghiera, anche noi possiamo facilmente porci dinnanzi a Dio con l’arroganza di chi fa tutto per bene: "io non sono come gli altri uomini". Se a volte siamo tentati di denunciare la lentezza o la troppa rapidità dei membri della nostra chiesa, o di quella dei nostri partner nel dialogo ecumenico, l’invito ad essere pazienti risuona come un importante e puntuale richiamo.

    Talvolta è verso Dio che mostriamo la nostra impazienza. Come il popolo nel deserto, talvolta lo contestiamo: Perché dobbiamo continuare questo doloroso viaggio, se non ha scopo? Rimaniamo fiduciosi. Dio risponde alle nostre preghiere secondo il suo modo e i suoi tempi. Egli creerà nuovi modi, che rispondano alle necessità di oggi, per portare i cristiani all’unità.

Preghiera:

O Signore,
rendici tuoi discepoli, attenti alla tua parola, giorno e notte.
Nel nostro viaggio verso l’unità,
donaci la speranza di raccogliere frutti, nel tempo dovuto.
Quando il pregiudizio e il sospetto sembrano dominare,
ti preghiamo di donarci l’umile pazienza necessaria per la riconciliazione. Amen.

Quarto Giorno – Pregate sempre per la giustizia

Pregate sempre per la giustizia
"Non vendicatevi contro chi vi fa del male, ma cercate sempre di fare il bene tra voi e con tutti" (1 Ts 5, 15)
 
Letture:
Esodo 3, 1-12 Dio ascolta il lamento degli Israeliti
Salmo 146(145) Il Signore […] difende la causa dei perseguitati
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Non vendicatevi contro chi vi fa del male
Matteo 5, 38-42 Non vendicatevi contro chi vi fa del male
 
 
Commento:

    Insieme, come popolo di Dio, siamo chiamati a pregare per la giustizia. Dio ascolta il grido degli oppressi, dei bisognosi, dell’orfano e della vedova. Dio è un Dio di giustizia e offre la risposta in Gesù Cristo, Suo Figlio, che ci ammonisce a lavorare insieme, in unità, nella pace e non con la violenza. Anche Paolo enfatizza questo con le parole: "Non vendicatevi contro chi vi fa del male, ma cercate sempre di fare il bene fra voi e con tutti".

    I cristiani pregano incessantemente per la giustizia, perché ogni singola persona venga trattata con dignità e riceva ciò che gli è dovuto, secondo giustizia, in questo mondo. Negli Stati Uniti d’America, l’ingiustizia della schiavitù degli Africani è terminata solo con una sanguinosa guerra civile, seguita da un secolo di razzismo, suffragato anche dallo stato. Persino le chiese erano divise secondo il colore della pelle. Tristemente, il razzismo e altre forme di intolleranza, come la paura per lo straniero, sono ancora lente a scomparire nella vita americana.

    Eppure è stato attraverso gli sforzi delle chiese, soprattutto quelle afro-americane e i loro partner ecumenici, e massimamente attraverso la resistenza non violenta del Reverendo Dottor Martin Luther King, Jr., che i diritti civili furono custoditi come un tesoro di tutti nella vita americana. La sua ferma e profonda convinzione che solo l’amore ad imitazione di Cristo può realmente vincere l’odio e trasformare la società, continua ad ispirare i cristiani, e li attira a lavorare insieme per la giustizia. Il giorno della nascita di Martin Luther King è festa nazionale negli Stati Uniti. Ogni anno questo anniversario ricorre in prossimità della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani.

    Dio ascoltò e rispose al grido degli Israeliti. Dio continua ad ascoltare e rispondere oggi al pianto di quanti sono oppressi. Gesù ci ricorda che la giustizia di Dio è incarnata nella sua stessa volontà di sacrificare la propria natura, il proprio potere, il proprio prestigio e la sua stessa vita per portare al nostro mondo la giustizia e la riconciliazione, attraverso cui tutti gli esseri umani sono trattati da eguali in valore e dignità.

    Solo ascoltando e rispondendo al pianto degli oppressi possiamo camminare insieme nella strada verso l’unità. Questo si applica anche al Movimento ecumenico, laddove ci venga chiesto di andare "per due chilometri" oltre nella nostra disponibilità ad ascoltarci, ad abbandonare il proposito di vendetta, ad agire in carità.

Preghiera:

Signore Dio,
Tu hai creato l’umanità, maschio e femmina ad immagine divina.
Noi ti preghiamo continuamente, con un’unica mente e un unico cuore,
affinché coloro che sono affamati in questo mondo possano essere nutriti,

coloro che sono oppressi possano essere liberati,
che tutte le persone possano essere trattate con la stessa dignità,
e che noi possiamo essere tuoi strumenti nel rendere questo desiderio una realtà.
Te lo chiediamo nel nome di Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Terzo Giorno – Pregate incessantemente per la conversione dei cuori

Pregate incessantemente per la conversione dei cuori
"Rimproverate quelli che vivono male, incoraggiate i paurosi" (1 Ts 5, 14)
 
Letture:
Giona 3, 1-10 Il pentimento di Ninive
Salmo 51(50), 10-17 Crea in me, o Dio, un cuore puro
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Incoraggiate i paurosi
Marco 11, 15-17 Casa di preghiera
 
 
Commento:
 
    All’inizio e al cuore dell’iniziativa ecumenica si trova una pressante chiamata al pentimento e alla conversione. Qualche volta abbiamo bisogno di sapere come richiamarci vicendevolmente al nostro compito all’interno delle comunità cristiane, proprio come Paolo esorta nella Prima Epistola ai Tessalonicesi: se l’uno o l’altro causano divisioni, dovrebbero essere rimproverati; se alcuni hanno paura di ciò che una difficile riconciliazione potrebbe comportare, questi dovrebbero essere incoraggiati.

    Perché nascondere questo fatto? Se la divisione fra cristiani esiste, è anche per la mancanza di volontà di essere dediti al dialogo ecumenico e anche, semplicemente, alla preghiera per l’unità.

    La Bibbia ci racconta come Dio abbia mandato Giona per redarguire Ninive, e come l’intera città si sia ravveduta. Allo stesso modo, le comunità cristiane devono ascoltare la Parola di Dio e pentirsi. Nel corso dell’ultimo secolo non sono mancati profeti dell’unità che hanno reso i cristiani consapevoli della infedeltà manifesta nelle nostre divisioni e che hanno ricordato loro l’urgenza della riconciliazione.

    Nell’immagine vigorosa dell’intervento di Gesù nel Tempio, la chiamata alla riconciliazione cristiana può seriamente mettere in discussione la nostra limitata auto-comprensione. Anche noi abbiamo un grande bisogno di purificazione. Noi abbiamo bisogno di sapere come liberare il nostro cuore da tutto ciò che gli impedisce di diventare una vera casa di preghiera, interessata all’unità di tutti i popoli.

Preghiera:
 
O Signore,
Tu desideri la verità nel profondo del nostro animo;
nel segreto dei nostri cuori, Tu ci insegni la sapienza.
Ispiraci in qual modo incoraggiarci vicendevolmente lungo la strada per l’unità.
Rivelaci la conversione necessaria per la riconciliazione.
Dai a ciascuno di noi un cuore nuovo, autenticamente ecumenico.
Per questo ti preghiamo. Amen.

Secondo Giorno – Pregate sempre, confidando solo in Dio

Pregate sempre, confidando solo in Dio
"In ogni circostanza ringraziate il Signore" (1 Ts 5, 18)
 
Letture:
1 Re 18, 20-40 Il Signore è Dio! È Lui il vero Dio!
Salmo 23(22) Il Signore è il mio pastore
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 In ogni circostanza ringraziate il Signore
Giovanni 11, 17-44 Padre, ti ringrazio perché mi hai ascoltato
 
 
Commento:
    La preghiera è radicata nella fiducia che Dio è potente e fedele. Dio solo è colui che tiene tutto nelle sue mani, il presente e il futuro. La sua parola è credibile e veritiera.

    La storia di Elia nel Primo Libro dei Re dimostra irrevocabilmente l’unicità di Dio. Elia rimprovera gli apostati che adorano Baal, il quale non risponde alle loro preghiere. Quando, invece, Elia prega l’unico Dio di Israele, la risposta è immediata e miracolosa. Avendo visto questo, il popolo converte nuovamente il proprio cuore a Dio. Il Salmo 33 è una intensa confessione di fiducia. Ritrae una persona che crede che Dio lo guidi e sia con lui anche nel buio e nelle situazioni di desolazione e oppressione.

    Possiamo trovare circostanze che possono essere difficili, persino turbolente. Possiamo avere momenti di disperazione e sconforto. A volte sentiamo che Dio è nascosto. Ma Egli non è assente. Egli manifesterà la sua potenza liberatrice nella battaglia umana. Perciò, rendiamogli grazie in ogni circostanza.

    La resurrezione di Lazzaro dai morti è una delle scene più drammatiche riportate nel vangelo di Giovanni. È la manifestazione della potenza di Cristo di sciogliere i legami della morte ed è un’anticipazione della nuova creazione. In presenza del popolo, Cristo prega a voce alta, ringraziando suo Padre per le opere portentose che farà. L’opera salvifica di Dio Padre si compie in Cristo, cosicché tutti crederanno.

    Il pellegrinaggio ecumenico è un modo per comprendere le meravigliose opere di Dio. Le comunità cristiane che sono state separate le une dalle altre si ritrovano. Esse scoprono la loro unità in Cristo e giungono a comprendere che sono, ciascuna, parte di una Chiesa e che hanno bisogno le une delle altre.

    La visione dell’unità può essere oscurata. Talvolta è minacciata dalla frustrazione e dalla tensione. Può sorgere il dubbio se noi cristiani siamo davvero chiamati a stare insieme. La nostra preghiera continua ci sostiene: guardiamo a Dio e confidiamo in lui. Confidiamo che Egli ancora opera in noi e ci condurrà verso la luce della sua vittoria. Il suo regno comincia con la nostra riconciliazione e con la progressiva unità.

Preghiera:
 
O Dio di tutta la creazione,
ascolta i tuoi figli che ti pregano.
Aiutaci a mantenere la fede e la fiducia in te.
Insegnaci a rendere grazie in ogni circostanza,
affidandoci alla tua misericordia.
Donaci verità e saggezza
cosicché la tua Chiesa possa sorgere a nuova vita nella comunione.
Tu solo sei la nostra speranza. Amen.

Primo Giorno – Pregate Sempre

Pregate sempre
"Pregate continuamente" (1 Ts 5, 17)

 
Letture:
Isaia 55, 6-9 Cercate il Signore, ora che si fa trovare
Salmo 34(33) Ho cercato il Signore e m’ha risposto
1 Tessalonicesi 5, 12a.13b-18 Pregate continuamente
Luca 18, 1-8 Pregare sempre, senza stancarsi mai
 
 
 
Commento:
  Paolo scrive: "Siate sempre lieti. Pregate continuamente, e in ogni circostanza ringraziate il Signore. Dio vuole che voi facciate così, vivendo uniti a Gesù Cristo". La sua epistola è scritta ad una comunità di fedeli preoccupata riguardo la morte. Molti fratelli e sorelle, bravi credenti, si erano "addormentati" prima della venuta del Signore Che avrebbe portato tutti alla sua Resurrezione. Che cosa sarebbe accaduto a quei fedeli morti? Che cosa sarebbe accaduto ai vivi? Paolo li rassicura che i morti sarebbero risorti con i vivi e li esorta: "pregate continuamente". Che cosa significa "pregare continuamente"? Nelle letture di oggi troviamo alcuni spunti per rispondere a questa domanda. Tutta la nostra vita deve essere una ricerca del Signore, nella certezza che se lo cerchiamo, lo troveremo.

    Durante l’esilio, quando tutto sembrava arido e senza speranza, il profeta Isaia proclama: "Cercate il Signore, ora che si fa trovare. Chiamatelo, adesso che è vicino". Anche nell’esilio, il Signore è vicino ed esorta il suo popolo a tornare a lui nella preghiera, e a seguire i suoi comandamenti, in modo che possa conoscere la sua misericordia e il suo perdono. Il Salmo 34 celebra la certezza profetica che il Signore darà risposta a coloro che lo invocano, e avvalora la chiamata a pregare incessantemente.

    Nel vangelo di Luca, Gesù offre un insegnamento ai discepoli attraverso la parabola della vedova che cerca giustizia da un giudice, che non è né timorato di Dio, né rispettoso delle persone. L’insegnamento della parabola è che occorre essere perseveranti nella preghiera – "pregare sempre, senza stancarsi mai"- ed essere fiduciosi che la preghiera verrà ascoltata: "volete che Dio non faccia giustizia ai suoi figli che lo invocano giorno e notte?".

    Come cristiani alla ricerca dell’unità, riflettiamo su queste letture per scoprire ciò che "Dio vuole che voi facciate". È Cristo che vive in noi. La chiamata a "pregare continuamente" diviene parte della sua eterna intercessione presso il Padre: "che siano tutti una cosa sola […] così il mondo crederà". L’unità che cerchiamo è unità "come Cristo vuole" e l’osservanza dell’Ottavario riflette la nozione biblica di pienezza che un giorno la nostra preghiera sarà esaudita.

    L’unità è un dono dato da Dio alla Chiesa. È anche una chiamata per i cristiani, a vivere questo dono. La preghiera è la sorgente da cui scaturisce ogni tentativo umano per manifestare la piena visibile unità. Sono molti i frutti di cento anni di ottavari per l’unità fra i cristiani. Molte sono anche le barriere che ancora dividono i cristiani e le chiese. Se vogliamo mantenere la speranza, dobbiamo essere saldi nell’orazione affinché possiamo cercare il Signore e la sua volontà in tutto ciò che facciamo e che siamo.

Preghiera:

O Signore dell’unità,
Padre, Figlio e Spirito Santo,
noi ti preghiamo continuamente
affinché possiamo essere una cosa sola, come Tu sei.
O Padre, ascoltaci mentre ti cerchiamo,
O Cristo, guidaci all’unità che è la tua volontà per noi,
O Spirito, sostieni la nostra speranza.
 

Marinz

Intro alla settimana di preghiera per l’unita dei cristiani

In questo periodo di forti contrasti, ultimo la "rivolta" di alcuni docenti della Sapienza nei confronti della visita del Papa per inaugurare l’anno accademico, credo che pregare perché l’unità inizi dal Nucleo Centrale della nostra vita sia importante. Il centro di tutto deve essere Cristo e quindi credo che sia doveroso pregare perché l’unione parta dalla nostra Chiesa e con le altre Chiese possa cambiare la mentalità di questo mondo che tende a dividere tutto, come Scienza e Fede, che, come avrebbe voluto dire il Papa sono tutte e due alla ricerca della Verità, tanto più che se questa Verità potrebbe coincidere, come mi capitò di leggere tempo fa ma non rammento però l’autore di questo pensiero.
 
Per chi vorrà leggere e riflettere ogni giorno posterò i riferimenti delle letture, un commento e una preghiera.
 
Qui di seguito l’introduzione a questa settimana di Valdman Traian – Vicario eparchiale ortodosso romeno d’Italia, presidente del Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano.
 
 

Nella settimana dal 18 al 25 gennaio  le Chiese del Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano (CCCM) si situano in comunione con quanti pregano per l’unità visibile dei cristiani nella Chiesa che nel Credo niceno – costantinopolitano confessiamo "Una".

Il tema della Settimana 2008, "Pregate continuamente", è preso dalla prima lettera di san Paolo ai Tessalonicesi (5, 12-18). Nella settimana di preghiera per l’unità della Chiesa siamo esortati a pregare continuamente. L’espressione sta tra l’esortazione di "vivere in pace"" e la considerazione secondo cui Dio vuole che noi viviamo "uniti a Gesù Cristo". Ne risulta che la mancanza della pace manifestata anche dalle disunioni esistenti tra i cristiani di diverse tradizioni può trovare la soluzione soltanto nell’unione con Gesù Cristo, il fondamento dell’unità della Chiesa. Sebbene l’unità non può essere opera nostra ma di Dio Trino, da parte nostra si chiede la disponibilità di ricevere il dono dell’unità che ci viene dallo Spirito Santo, Spirito di comunione. E lo Spirito Santo scende il giorno della pentecoste su una comunità che prega. 

Ecco perché la preghiera è il mezzo più efficace per l’unità della Chiesa. Mentre preghiamo non siamo soli, ma con il Signore Gesù Cristo che è in mezzo a quanti pregano nel suo nome. E l’unità di ogni cristiano, di ogni comunità, di ogni Chiesa con Cristo coincide con l’unità di ognuno con quanti sono uniti a Cristo. Ecco perché l’ecumenismo non è una nuova nota della Chiesa, bensì è al servizio delle note dell’unità, della santità, della cattolicità e della apostolicità.

La preghiera esprime il modo di essere del cristiano, cioè in comunione con Dio. Evagrio la considera conversazione con Dio. Macario l’Egiziano indica la preghiera del cuore, che per il contributo di Diadoco di Foticea e di Giovanni Climaco diventa "preghiera di Gesù". Di ispirazione biblica, la preghiera di Gesù è molto breve: "Signore, Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore". Essa diventa prassi comune nel mondo monastico orientale e oggi viene praticata da molti cristiani ortodossi, abbinata alla vita sacramentale, come preghiera incessante, continua. Ripetuta senza tregua essa difende la mente da ogni divagazione e fa crescere nell’amore e nel desiderio di Dio. La preghiera diventata continua, non è più un cercare Dio ma un essere già trovati da lui, mentre l’orante diventa preghiera.

Preghiamo affinché ci sia dato a tutti i battezzati nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo il dono della preghiera per l’unità della Chiesa, in comunione con Cristo stesso che invoca il Padre affinché "tutti siano uno". 
Preghiamo continuamente!